Ivan F. Boesky, il trader disonesto nello scandalo di Wall Street degli anni ’80, muore a 87 anni

Ivan F. Boesky, lo sfacciato finanziere che divenne il simbolo dell’avidità di Wall Street come figura centrale degli scandali dell’insider trading degli anni ’80, e che andò in prigione per i suoi misfatti, è morto lunedì nella sua casa nel quartiere di La Jolla a San Diego. Aveva 87 anni.

Sua figlia Marianne Boesky ha detto che è morto nel sonno.

Ispiratore del personaggio Gordon Gekko del film di Oliver Stone “Wall Street” e del suo seguito, Boesky ha fatto fortuna scommettendo su consigli azionari, spesso passati illegalmente a lui in cambio di valigie di contanti. La sua dichiarazione di colpevolezza per insider trading nel novembre 1986 e la sua sanzione di 100 milioni di dollari, un record per l’epoca, mandarono ondate di shock a Wall Street e diedero il via a una cascata di eventi che segnò la fine di un decennio di frenetica attività di acquisizione e di celebrazione di cospicue acquisizioni. ricchezza.

Quando gli investigatori federali si avvicinarono al signor Boesky, questi accettò di collaborare, fornendo informazioni che portarono alla caduta della banca d’investimento Drexel Burnham Lambert e del suo re dei titoli spazzatura, Michael Milken.

Boesky ha introdotto uno stile aggressivo nel mondo, un tempo sonnolento, dell’arbitraggio, l’acquisto e la vendita di azioni di società che sembrano essere obiettivi di acquisizione. Fiutando accordi imminenti, ha accumulato posizioni azionarie a livelli mai visti prima.

Al culmine della sua attività a metà degli anni ’80, aveva un patrimonio netto di 280 milioni di dollari (circa 818 milioni di dollari nella valuta odierna) e un portafoglio di trading valutato a 3 miliardi di dollari (circa 8,7 miliardi di dollari oggi), in gran parte finanziato con denaro preso in prestito. . La casa era una tenuta tentacolare nella contea di Westchester, New York, la sua casa principale adornata con un Renoir e tappeti con impresso il suo monogramma, «IFB». (La tenuta un tempo era di proprietà della famiglia Revson, fondatrice dei cosmetici Revlon e, prima ancora, della famiglia dietro Macy’s, gli Strause.)

Oltre a un pied-à-terre a Manhattan, c’era un rifugio sulla Costa Azzurra, un lussuoso appartamento a Parigi e un condominio alle Hawaii. Attraverso la sua prima moglie, Seema Boesky, era comproprietario del celebre Beverly Hills Hotel, un lussuoso intruglio rosa preferito dalle star di Hollywood e dai titani della finanza che partecipavano al Predators’ Ball, il ritrovo annuale di Drexel Burnham.

Il signor Boesky affermava di dormire solo due o tre ore a notte, alzandosi alle 4:30 per allenarsi prima di prendere una limousine per il suo ufficio di New York, dove controllava una serie di terminali video, notiziari e telescriventi. oltre a 160 linee telefoniche e una serie di schermi che gli permettono di vedere e sentire i suoi dipendenti in ogni momento. Ogni giorno si vestiva allo stesso modo: con un caratteristico abito nero a tre pezzi e una camicia bianca inamidata, con una catena d’oro che pendeva dal taschino del gilet. Preferiva stare in piedi tutto il giorno piuttosto che seduto, e mangiava a malapena, consumando invece grandi quantità di caffè.

A Wall Street è stato un decennio nato dall’avidità. Alimentato dal denaro facile ottenuto dalle obbligazioni spazzatura, un piccolo gruppo di kingmakers, tra cui Carl Icahn, T. Boone Pickens, James Goldsmith, Saul Steinberg, Mr. Boesky e Mr. Milken, divennero favolosamente ricchi impegnandosi in schemi di ingegneria finanziaria e societaria. raid che portarono il mercato azionario a livelli vertiginosi prima del suo crollo nel 1987.

Il signor Boesky abbracciò l’etica del go-go dell’epoca. “L’avidità va bene, comunque”, disse agli studenti della business school dell’Università della California, Berkeley, in un discorso di apertura nel 1986. “Penso che l’avidità sia salutare. Puoi essere avido e sentirti comunque bene con te stesso. È stato accolto da travolgenti applausi.

Un anno dopo, quelle parole furono immortalate sullo schermo in “Wall Street”, in cui il raider aziendale senza scrupoli Gordon Gekko (interpretato da Michael Douglas) tiene il suo famoso discorso “L’avidità è buona”.

“Tutto ciò che contava per Ivan Boesky era fare soldi”, ha detto Jeff Madrick, l’autore di “Age of Greed” (2011), in un’intervista per questo necrologio nel 2019. “Ha trovato un percorso per farlo e ne ha abusato gravemente. «

Il signor Boesky pubblicizzava il suo successo ogni volta che poteva. Nel 1985 pubblicò un libro, “Merger Mania”, che promuoveva le sue capacità di concludere accordi e la sua straordinaria capacità di identificare il prossimo obiettivo di acquisizione. Ma dietro il successo di Boesky c’era una storia di inganno: pagava altri per fornirgli informazioni privilegiate.

Una delle sue maggiori fonti era Martin Siegel, all’epoca banchiere d’investimento presso Kidder, Peabody & Company. I due idearono il loro piano nel 1982, e presto Boesky fece consegnare a Siegel da un corriere valigie piene di banconote da 100 dollari (150.000 dollari una volta, 200.000 dollari un’altra volta e 400.000 dollari una terza) in cambio di informazioni privilegiate sulle imminenti acquisizioni. Usando le parole in codice “luce rossa” e “luce verde” per il passaggio, il corriere consegnò le valigie al signor Siegel nella hall del Plaza Hotel a Manhattan.

Ma nel 1986 il mondo del signor Boesky aveva cominciato a sgretolarsi. A maggio, quando un banchiere Drexel di livello inferiore, Dennis Levine, fu incriminato con l’accusa di insider trading, i pubblici ministeri federali trovarono il nome del signor Boesky nei suoi appunti; aveva pagato il signor Levine per le mance. Sulle tracce di Boesky c’era Rudolph W. Giuliani, l’avvocato degli Stati Uniti che aveva denunciato mafiosi e politici disonesti e che ora era concentrato sugli illeciti di Wall Street.

Nel settembre del 1986, Boesky fu invitato a uno dei bar mitzvah più sontuosi che si ricordino. Gerald Guterman, un promotore immobiliare, ha pagato quasi 1 milione di dollari per affittare l’intera Queen Elizabeth 2 per celebrare suo figlio, portando gli ospiti in crociera lungo il fiume Hudson e nell’Atlantico. Enormi striscioni, clown, musicisti e un equipaggio di 1.000 persone hanno accolto gli ospiti. Ma il signor Boesky non si vedeva da nessuna parte.

Sostenendo di aver perso la partenza, il signor Boesky ha inscenato il suo arrivo: un elicottero è sceso dal cielo ed è atterrato sulla nave. Mentre le sue lame ronzavano, gli ospiti allungavano il collo per guardare il signor Boesky emergere in smoking e cravatta nera, a detta di tutti assomigliava a un James Bond degli ultimi giorni e metteva completamente in ombra la famiglia ospitante.

Il giorno successivo, 17 settembre, Boesky si arrese alle autorità federali e accettò di indossare un microfono nelle sue conversazioni con Milken e altri a Wall Street.

Ivan Frederick Boesky è nato a Detroit il 6 marzo 1937 da Helen e William Boesky. Suo padre era un immigrato ebreo dalla Russia. La famiglia gestiva una serie di ristoranti sotto il nome di Brass Rail che divennero strip club con il declino della città. Alla fine l’azienda fallì.

All’età di 13 anni e senza patente di guida, Ivan guidava un camioncino dei gelati per pochi centesimi. (Negli anni successivi chiamò uno dei suoi veicoli di investimento, Farnsworth & Hastings, in onore dell’ubicazione all’angolo della strada dell’azienda di famiglia.)

Per un anno Ivan frequentò Cranbrook, una prestigiosa scuola preparatoria fuori Detroit, dove eccelleva nel wrestling e negli anni successivi lasciò a molti l’impressione che fosse un laureato; in realtà aveva lasciato Cranbrook e si era diplomato alla Mumford High School, nella Detroit borghese.

Ha frequentato tre college – Wayne State, Università del Michigan e Michigan orientale – e non si è laureato in nessuno di essi. Gli ci vollero cinque anni, dopo aver abbandonato gli studi due volte, per ottenere una laurea nel 1964 presso il Detroit College of Law. Ottenne un posto di impiegato di un anno presso un giudice federale grazie a contatti, fu rifiutato dai migliori studi legali di Detroit e lavorò come contabile presso l’ufficio locale di Touche Ross.

Il matrimonio del signor Boesky nel 1962 con Seema Silberstein, figlia di Ben Silberstein, un promotore immobiliare proprietario del Beverly Hills Hotel, lo catapultò in un mondo di ricchezza e raffinatezza. Non è riuscito a trovare la sua posizione professionale fino all’età di 27 anni, quando un ex compagno di classe di Cranbrook che lavorava alla Bear Stearns gli ha parlato dell’arbitraggio. Affascinato dall’idea, si trasferì a New York, dove suo suocero comprò alla giovane coppia un appartamento in Park Avenue.

Ha attraversato diversi lavori, lavorando come apprendista presso la società di investment banking LF Rothschild, analista presso la First Manhattan Company e arbitraggio presso Kalb, Voorhis, dove la sua perdita di $ 20.000 lo ha fatto licenziare. Nel 1971, Boesky si recò presso la società di intermediazione Edwards & Hanly, dove mostrò per la prima volta il suo stile aggressivo, scommettendo milioni su una singola posizione azionaria e incorrendo in una multa di 10.000 dollari per aver venduto titoli che non aveva.

Nel 1975 l’azienda fallì e il signor Boesky decise di mettersi in proprio. Con il sostegno di 700.000 dollari dalla famiglia di sua moglie, ha fondato la Ivan F. Boesky & Company.

L’attività di arbitraggio era abituata a investimenti piccoli e cauti in acquisizioni annunciate pubblicamente, con la speranza che il prezzo delle azioni aumentasse. Ma il signor Boesky ha scommesso grosso.

Ha scommesso multimilionari – 10 milioni di dollari e anche 100 milioni di dollari o più – su società che secondo lui potevano essere obiettivi di acquisizione, prima che venissero annunciati eventuali accordi. Faceva molto affidamento sul denaro preso in prestito e teneva per sé la maggior parte dei guadagni: i suoi partner avrebbero ricevuto il 40% e lui il 60%. I suoi partner avrebbero assorbito il 90% delle perdite e lui il 10%.

A Wall Street gli furono dati due soprannomi: Piggy e Ivan il Terribile. Era noto per entrare nei ristoranti alla moda e ordinare tutti i piatti del menu, assaggiarli e poi sgranocchiare un piatto ignorando il resto.

Una volta si presentò a giocare a tennis su una Rolls-Royce rosa. E amava intrattenersi all’Harvard Club di Manhattan, anche se non aveva mai frequentato Harvard. (Ha fatto una grossa donazione alla School of Public Health dell’università, che lo ha nominato membro del consiglio di sorveglianza, rendendolo idoneo a diventare membro del club.) Ha detto agli investitori che era un professore a contratto presso la Columbia Business School. La scuola ha detto che non era vero.

Boesky ha guadagnato circa 65 milioni di dollari quando la Chevron ha acquisito la Gulf, 50 milioni di dollari quando la Texaco ha acquistato la Getty e 50 milioni di dollari dall’acquisizione della General Foods da parte della Philip Morris. Altri fuoricampo multimilionari – alcuni aiutati da informazioni che la Securities and Exchange Commission ha affermato essere state ottenute illegalmente – hanno riguardato accordi con Nabisco Brands, Union Carbide e Boise Cascade.

Il più stretto alleato di Boesky nel mondo della finanza era Milken, capo del leggendario ufficio titoli spazzatura di Drexel Burnham a Los Angeles. I due parlavano quotidianamente, con il signor Milken che si occupava di gran parte del capitale dietro le attività del signor Boesky e il signor Boesky che diventava un centro di profitto per il signor Milken. Le loro dita erano su quasi ogni operazione di acquisizione, ogni loro mossa veniva seguita dalla stampa finanziaria.

Dopo essersi consegnato agli investigatori federali, Boesky, in un appello alla clemenza, ha accettato di diventare un informatore del governo, indossando un microfono quando incontrava Milken, che era un bersaglio ancora più grande per i procuratori federali.

«Milken e Boesky erano profondamente intrecciati in quella che era una vasta cospirazione criminale», ha scritto James B. Stewart nel suo libro «Den of Thieves» (1991). “Nel loro insieme, le iniziative erano praticamente un catalogo di crimini finanziari, a partire dall’insider trading, passando per false dichiarazioni pubbliche, frode fiscale e manipolazione del mercato, oltre a una serie di crimini più tecnici”.

Alla fine, anche il signor Milken sarebbe finito in prigione e avrebbe pagato una multa ancora più grande, 600 milioni di dollari. Nel febbraio 2020 ha ricevuto la grazia dal presidente Donald J. Trump.

Boesky si dichiarò colpevole di accuse di insider trading nel novembre 1986 e accettò di pagare 100 milioni di dollari: una multa di 50 milioni di dollari e 50 milioni di dollari come rimborso dei profitti commerciali illegali. (In seguito è stato in grado di detrarre metà della sua sanzione di 100 milioni di dollari dalle imposte sul reddito.)

Nel dicembre 1987, il signor Boesky fu condannato a tre anni di prigione. Ha trascorso 18 mesi nel campo di prigionia federale di Lompoc, una struttura di minima sicurezza nella contea di Santa Barbara, in California, seguito da quattro mesi in una casa di accoglienza a Brooklyn. Mentre era in prigione, studiò il Talmud e guadagnò qualche spicciolo lavorando in una squadra di pulizia della prigione. In seguito ha ammesso di aver violato le regole della prigione pagando altri detenuti per fare il bucato.

Uscì dal carcere nel 1990. Aveva 53 anni. Nel 1991, la moglie di 30 anni lo fece causa per il divorzio. Supplicando la povertà, chiese metà della sua fortuna di 100 milioni di dollari; si accontentò di 20 milioni di dollari, pagamenti annuali di 180.000 dollari e una casa in California da 2,5 milioni di dollari.

Per molti anni, il signor Boesky ha vissuto tranquillamente a La Jolla, dove si è risposato ed è diventato di nuovo padre.

Oltre a sua figlia Marianne, gli sopravvivono tre figli dal suo primo matrimonio, William, Theodore e Johnathan; sua moglie, Ana (Serrano) Boesky; la loro figlia, Blu Boesky; e quattro nipoti.

In un’intervista del 1985 con il Washington Post, Boesky ha fornito una visione straordinariamente preveggente della sua caduta finale. «Non posso prevedere la mia fine», ha detto. «Ma sospetto che accadrà all’improvviso.» Lo ha fatto; nel giro di un anno fu arrestato e accusato di insider trading.

Alex Traub ha contribuito alla segnalazione.